Home Page
Consultazione
Ricerca per categorie
Ricerca opere
Ricerca produzioni
Ricerca allestimenti
Compagnia virtuale
Servizio
Informazioni e FAQ
Condizioni del servizio
Manuale on-line
Assistenza
Abbonamento
Registrazione
Listino dei servizi
Area pagamenti
Situazione contabile


Visualizzazione opere

Tetide in Sciro
Dramma per musica in tre atti di Carlo Sigismondo Capece
Musica di Domenico Scarlatti 1685-1757
Prima rappresentazione: Roma, Palazzo Zuccari, 10 gennaio 1712 (?)

Personaggi
Vocalità
Achille
Soprano
Antiope
Soprano
Deidamia
Contralto
Licomede
Contralto
Tetide
Soprano
Ulisse
Soprano
Note
Scritta per il teatro privato della regina Maria Casimira di Polonia, è l’unica opera seria di Domenico Scarlatti a esserci giunta in forma sostanzialmente integra (mancano solo pochi fogli della partitura al termine del secondo atto). La musica appare decisamente superiore al libretto, che all’impaccio nella fattura di alcuni versi assomma una serie di gravi difetti, quali l’assenza di una precisa strategia nella collocazione delle arie e nelle entrate dei personaggi, l’affastellamento di assurde e quasi grottesche complicazioni romanzesche, nonché l’eccesso di personaggien travesti. Inevitabilmente impietoso per il dramma di Capece risulta il confronto con quel fortunatoAchille in Sciroche Metastasio, con il suo ben diverso talento drammaturgico, avrebbe scritto nel 1736, sullo stesso soggetto, peraltro popolare nell’opera come nelle arti figurative del Seicento e del secolo successivo.

Achille, in abiti femminili sotto il finto nome di Arminda, è stato nascosto dalla madre Tetide sull’isola di Sciro, per evitargli il destino infausto della guerra di Troia. Qui si è innamorato della principessa Deidamia, che però a sua volta è invaghita di Filarte; in realtà una donna, Antiope, amante abbandonata del padre di Deidamia, il re Licomede. Quest’ultimo, dal canto suo, si sente attratto da Achille/Arminda. Su questo intricato nodo sentimentale si abbatte l’arrivo di Ulisse; questi, inviato da Agamennone a chiedere la mano di Deidamia per Oreste, riesce, mostrando ad Achille una spada, a ridestare lo «spirto guerrier» dell’eroe e a convincerlo a partire per Troia. Dopo numerosi equivoci, l’opera termina con la spettacolare apparizione (l’ingegnere teatrale era nientemeno che Filippo Juvarra) della grotta di Tetide: Deidamia e Achille, Antiope e Licomede si uniranno felicemente in matrimonio.

Scarlatti sfrutta con molta abilità le forze a propria disposizione. Anzitutto nei pezzi posti in apertura e chiusura degli atti, come il grazioso terzetto “Amando, tacendo” (in cui ogni voce è raddoppiata da uno strumento: l’oboe, il flauto, il pizzicato dei violini) o il delicato e assieme intenso duetto “Lasciami piangere” (Deidamia, Achille), alla vigilia della partenza dell’eroe per Troia. Tra le arie, quasi tutte con orchestra e spesso con strumenti concertanti, spiccano quelle di Achille, dal piglio tragico o patetico, alcune di Antiope e Licomede, nonché, per la protagonista Tetide, la prima pagina dell’opera, “Vi lascio tranquille” e “Non è il ciel, non son le stelle”, dall’elaborata parte concertante per violino.
Fonte: Dizionario dell'Opera Baldini&Castoldi


Credits - Condizioni del servizio - Press Room - Pubblicità